Q

uesta intervista offre uno sguardo approfondito sulla vita e la carriera di Marino Marozzi, un professionista che ha fatto della sua eredità italiana un elemento centrale nel suo impegno verso la sostenibilità ambientale e la pianificazione territoriale in Costa Rica.

Marino Marozzi mostra con orgoglio la foto dell’onoreficenza di cavaliere conferita a suo nonno, Amedeo Marozzi, il 12 novembre 1970. Amedeo era originario di Felonica, nella provincia di Mantova, mentre la nonna proveniva da Castelnuovo Bariano, Rovigo, una piccola località veneta, dove tutta la famiglia è iscritta nel registro AIRE. Questo luogo è rimasto un punto di riferimento per la conservazione del dialetto antico nella loro casa. Cavalier Amedeo Marino ha svolto un ruolo significativo nella vita di Marino, trasmettendo non solo tradizioni familiari, ma anche un impegno per l’eccellenza e la dedizione al servizio.

Cavalier Amedeo Marino

CAV.  Amedeo Marozzi

Attraverso il suo lavoro e la sua identità italo-costaricense, Marino ha saputo amalgamare la ricchezza culturale delle sue radici con la sua passione per la sostenibilità e la cooperazione internazionale. La sua storia personale riflette la connessione profonda tra passato e presente, tra tradizione e innovazione, che guida il suo impegno nel creare un futuro migliore per entrambe le sue patrie, Italia e Costa Rica. CURRICULUM VITAE
Familia Marino Marozzi

Familia Marino Marozzi

INTERVISTA

Dr. Marozzi, come la sua eredità italiana ha influenzato la sua vita e la sua carriera professionale in Costa Rica?

L’eredità italiana ha giocato un ruolo cruciale nella mia vita e nella mia carriera professionale, non solo per i valori culturali e familiari che ho ereditato, ma anche per la prospettiva unica che apporta nel campo dell’economia ambientale e politica. L’Italia, con la sua ricca storia nella gestione delle risorse e nella conservazione, ha ispirato il mio approccio verso la sostenibilità e la pianificazione territoriale. Inoltre, essere italo-costaricano mi ha permesso di fungere da ponte tra due culture, promuovendo lo scambio di conoscenze e pratiche sostenibili tra Europa e America Latina.

Con una vasta esperienza in economia ambientale e pianificazione territoriale, cosa l’ha motivata a specializzarsi in questi campi?

La mia motivazione a specializzarmi in economia ambientale e pianificazione territoriale è nata dalla comprensione che lo sviluppo economico e la sostenibilità ambientale non sono obiettivi mutuamente esclusivi, ma complementari. L’urgenza di affrontare il cambiamento climatico e proteggere la biodiversità, unita alla necessità di promuovere uno sviluppo equo, mi ha spinto a concentrarmi su come possiamo modellare le nostre economie e città in modo tale da rispettare i limiti del pianeta e promuovere il benessere umano.

Lei è stato riconosciuto per il suo lavoro sul cambiamento climatico e la biodiversità. Quali progetti considera più significativi nella sua carriera?

Tra i progetti più significativi della mia carriera, evidenzierei quelli incentrati sulla mitigazione del cambiamento climatico e sulla conservazione della biodiversità attraverso politiche pubbliche innovative e la collaborazione internazionale. Un progetto emblematico è stato lo sviluppo di modelli economici che integrano la valutazione dei servizi ecosistemici, il quale ha influenzato politiche nazionali e internazionali verso una gestione più sostenibile delle risorse naturali.

Come Presidente Corporativo e Consulente Internazionale, qual è stata la sfida più grande che ha affrontato lavorando con culture e ambienti diversi?

La sfida più grande è stata affrontare la diversità di prospettive culturali riguardanti l’economia e l’ambiente. Adattare le strategie di sostenibilità a contesti politici, economici e culturali differenti ha richiesto una comprensione profonda e il rispetto di ogni cultura. La chiave è stata individuare punti in comune e favorire un dialogo inclusivo finalizzato alla costruzione di soluzioni sostenibili e rispettose delle tradizioni locali.

Nel suo ruolo di professore e ricercatore, quale messaggio vorrebbe trasmettere alle nuove generazioni di economisti e ambientalisti?

Alle nuove generazioni trasmetterei l’importanza di adottare un approccio olistico in economia ed ecologia. È fondamentale comprendere che ogni decisione economica ha un impatto ambientale e sociale, e viceversa. Incoraggio i futuri economisti e ambientalisti ad essere audaci, innovativi e a lavorare insieme per trovare soluzioni che promuovano uno sviluppo sostenibile ed equo per tutti.

Durante la sua gestione all’Istituto Nazionale di Urbanismo, quali successi ritiene abbiano avuto un impatto maggiore sullo sviluppo urbano del Costa Rica?

Durante la mia gestione, i successi con il maggiore impatto hanno incluso l’implementazione di piani di sviluppo urbano che integrano considerazioni ambientali, sociali ed economiche, promuovendo così città più verdi, inclusive e resilienti. Inoltre, la promozione di politiche di mobilità sostenibile e la pianificazione di spazi pubblici che favoriscono la coesione sociale e la connettività ecologica sono stati fondamentali per migliorare la qualità della vita nelle aree urbane del Costa Rica.

Collaborazione con il COMITES: Come cittadino italo-costaricano, ha avuto qualche collaborazione o esperienza precedente con il nostro COMITES?

La mia collaborazione con il COMITES è stata una fase arricchente della mia carriera, permettendomi di contribuire alla promozione della cultura e dei valori italiani all’interno del Costa Rica. Attraverso progetti congiunti, abbiamo lavorato alla diffusione di iniziative culturali ed educative che rafforzano i legami tra le comunità italo-costaricensi, promuovendo allo stesso tempo lo scambio di conoscenze ed esperienze nel campo della sostenibilità e dell’economia.

Cosa pensa del ruolo del COMITES nella comunità italo-costaricense e nella promozione della cultura italiana in Costa Rica?

Il COMITES svolge un ruolo fondamentale nella comunità italo-costaricense, non solo promuovendo la ricca cultura italiana e conservando le nostre tradizioni, ma anche fungendo da ponte per favorire lo scambio culturale ed economico tra Italia e Costa Rica. Il suo contributo all’arricchimento culturale e al rafforzamento delle relazioni bilaterali è inestimabile, e considero il suo lavoro essenziale per promuovere una comprensione e un’apprezzamento reciproci tra entrambe le nazioni.

Amedeo Marozzi

Amedeo Marozzi

Unisciti al canale
Museo virtuale San Vito ENTRA

Hey, ciao 👋 Piacere di conoscerti.

Iscriviti per ricevere contenuti informativi nella tua casella di posta, ogni mese.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Hey, ciao 👋

Piacere di conoscerti.

Iscriviti per ricevere contenuti

informativi nella tua casella di posta,

ogni mese.

Non inviamo spam! Leggi la nostra

Informativa sulla privacy per avere

maggiori informazioni.